musica / 21 gennaio 2009

LA MUSICA RIBELLE DI LUCA

“Il rock e il pop di oggi sono figli dei cantautori che negli anni Settanta hanno insegnato e comunicato la forza e la potenza delle parole nella canzone”: così Luca Carboni spiega “Musiche ribelli”, il nuovo album co-prodotto con Riccardo Sinigallia, in uscita domani. Dieci ‘canzoni-totem’ rivisitate, in omaggio ai grandi cantautori degli anni ’70 che ”hanno insegnato e comunicato la forza e la potenza delle parole nella canzone”.
 “Quello degli anni Settanta è stato l’ultimo periodo in cui la musica era vera, con una grande creatività, anche artigianale – aggiunge Carboni presentando il suo nuovo lavoro – La musica è sempre figlia del proprio tempo, i contenuti ci sono anche adesso. Ma i cantautori degli anni ’70 hanno cambiato il modo di intendere la canzone e il dna degli italiani. Hanno fatto scuola, al di la’ dell’aspetto politico e sociale. Una volta il nemico era facilmente individuabile, oggi è tutto frammentato, per cui è più difficile che nasca un movimento come quello degli anni Settanta”. 

Dieci le canzoni selezionate, alcune delle quali sono ancora molto attuali. Come ‘Ho visto anche degli zingari felici’ di Claudio Lolli, del 1976, cantata in duetto con Riccardo Sinigallia, che Carboni ha voluto accanto come produttore. E’ del 1978 ‘Raggio di sole’ di Francesco De Gregori, mentre ‘Vendero” di Edoardo Bennato risale al 1976. Attualissime ‘Eppure soffia’ (’77) di Pierangelo Bertoli, che affronta la questione ambientale, e ‘Vincenzina e la fabbrica’ di Enzo Jannacci (’75), che racconta il mondo del lavoro anni ’70 con gli occhi di una donna del sud che arriva nel nord industrializzato in cerca di lavoro. Carboni ha voluto interpretare anche ‘Musica ribellé di Eugenio Finardi (’76), che ispira il titolo dell’album.

 “I cantautori mettevano in discussione la società del tempo, erano spiriti ribelli”, spiega l’artista, che svela di aver escluso Via del Campo di De André, anche se “é quella cui ho lavorato di più. Ma – spiega – mi sono bloccato, non mi è piaciuto il risultato”. Il brano che lo ha emozionato di più è ‘Vincenzina e la fabbrica’ di Jannaccì, che “solo Mina osò rifare, nel 1977. Per me è stata una sfida – dice Carboni – perché è lontana dalla mia musicalità, diversamente da Raggio di Sole di De Gregori. Jannacci l’ha ascoltata e mi ha detto ‘e’ il più bel regalo di Natale che potessi riceveré”. Di De Gregori Carboni ha scelto anche ‘La casa di Hilde’, del 1973: “Gli è piaciuta molto, non ho tradito la fonte pur avendola trasformata in una canzone ‘carboniana'”. Non mancano ‘Quale allegria’ di Lucio Dalla, “in cui si fonde il personale e il socialé, e ‘L’avvelenatà di Francesco Guccini, “una canzone ‘incazzata’ in cui sento però la grande forza dell’ironia”. Il brano più recente è invece ‘Up patriots to arm’ di Franco Battiato (1980). 

“Questo disco raccoglie tante canzoni che ho amato quando ero ragazzino, ma mi dà anche lo stimolo per crescere nel racconto in vista del mio prossimo cd”, conclude Carboni, che partirà in tour il 2 marzo da Verona, con tappe anche a Firenze, Genova, Napoli, Roma, Torino, Bologna e Milano.

fonte: ansa.it


Tags:  luca carboni

Bookmark and Share




Post Precedente
SANREMO: AL FESTIVAL ANCHE CANZONE DI JOVANOTTI
Post Successivo
UN INVIATO SPECIALE...




Post Correlati




1 Commento

Jan 27, 2009

ho visto questo e m’è piaciuto proprio tanto : 50anni di “lavoro nel settore” , un nuovo parto appena presentato, un nuovo tour e sempre gli occhi vispi ed un sorriso pronto…..non sapevo dove postarlo, volevo mostrarlo anche a voi….per qualche affinità, QUA ! http://www.chetempochefa.rai.it/TE_videoteca/1,10916,1095085,00.html



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.



More Story
SANREMO: AL FESTIVAL ANCHE CANZONE DI JOVANOTTI
Ci sara' anche Jovanotti sul palco del prossimo Sanremo: Non in carne ossa, ma con una canzone. E' firmato da lui, infatti,...