Home / ALBUM / LORENZO 2002 – IL QUINTO MONDO

LORENZO 2002 – IL QUINTO MONDO

quintomondo

Soleluna/Universal

TRACKLIST:

  • Salvami 4:04 – info & video
  • Un Uomo 7:40
  • Albero Di Mele 4:36
  • Ti Sposerò 5:04 – info & video
  • Morirò D’Amore 4:16 – info & video
  • La Vita Vale 4:59
  • Noi 3:55
  • Salato parte uno 3:59
  • Salato parte due 5:02
  • Canzone D’Amore Esagerata 6:49
  • (Storia di un) Corazon 4:38
  • Il Quinto Mondo 4:32
  • Date Al diavolo Un Bimbo Per Cena 11:54 – info
  • 30 Modi Per Salvare Il Mondo 4:15

LORENZO 2002: IL QUINTO MONDO è il nono album in studio, pubblicato il 28 gennaio 2002.

IL DISCO

“Il quinto mondo è il prossimo livello”: nell’omonima canzone si trova un’ottima chiave di lettura per quest’album, intriso di speranze, passioni e drammatiche constatazioni. Dominante in quest’album è certamente l’impegno politico su vari fronti; quello della tolleranza e del rispetto e della solidarietà verso i popoli meno fortunati del pianeta (Noi, Il quinto mondo); quello dell’ecologia e dell’ambientalismo (Albero di mele); quello della difesa dei diritti umani minacciati dall’arroganza del potere economico (La vita vale).

Il pezzo di lancio dell’album, Salvami (che ripercorre numerosi di questi temi), contiene tra le altre cose un riferimento non troppo celato alla scrittrice fiorentina Oriana Fallaci e, non a caso, venne citato da Tiziano Terzani nell’introduzione al suo Lettere contro la guerra. Il singolo fu oggetto di un interessante esperimento mediatico: Lorenzo decise di portarlo nel maggior numero di trasmissioni televisive possibile, collezionando decine e decine di apparizioni in TV nel giro di una sola settimana. Questo attirò numerose polemiche su un suo presunto presenzialismo, e fu Lorenzo stesso ad osservare come tali polemiche non ci sarebbero state se questo “TV tour” fosse stato tenuto in piedi da Serenata rap. Tra l’altro era da poco scoppiata la guerra in Afghanistan, e i versi “amici e nemici, che comodità: villaggi di fango contro grandi città!” causarono una polemica con Vittorio Sgarbi (già citato in Ho perso la direzione nel 1992) in un noto salotto televisivo di Rai 1. La posizione di Jovanotti nei confronti delle politiche globali e dei rapporti fra mondo occidentale e altre culture è anche implicitamente ribadita da scelte musicali; per i suoi numerosi riferimenti alla musica latinoamericana, Il quinto mondo si può facilmente classificare come un album con elementi world music.

Il secondo tema che dà corpo all’album è quello romantico: Ti sposerò, Morirò d’amore, Canzone d’amore esagerata e (Storia di un) corazòn. I due temi in qualche modo confluiscono nella quattordicesima traccia, 30 modi per salvare il mondo, quasi a significare che una pacificazione globale è possibile solo con una pacificazione interiore di ogni singolo individuo: è emblematica la frase: “Ci sono trenta modi per salvare il mondo, ma uno solo perché il mondo salvi me: che io voglia star con te, che tu voglia star con me“.

Quest’album doveva essere il primo di una serie di cinque, tutti caratterizzati dal simbolo di una pianta: sulla controcover è raffigurato un pampino di vite appeso ad un filo tramite una molletta. Lo stesso artista spiegherà che si tratta di un simbolo ancestrale: la vite è da sempre il simbolo della vita.

L’album ha raggiunto la prima posizione della classifica italiana rimanendo per 13 settimane nella Top 10.