libri / varie / 29 marzo 2013

INTERVISTA A MICHELE WAD CAPOROSSO

IN OCCASIONE DELLA PUBBLICAZIONE DEL LIBRO “MAI DENTRO, MAI FUORI” (Ed. Arcana) ABBIAMO INCONTRATO L’AUTORE PER FARCI RACCONTARE QUALCOSA DI PIU’.
MICHELE WAD CAPOROSSO E’ SCRITTORE E GIORNALISTA DI NUOVA GENERAZIONE, CONTRIBUTOR PER «ROLLING STONE», «VOGUE» E «L’ESPRESSO», CONDUCE UNA TRASMISSIONE SU RADIO POPOLARE NETWORK E FA PARTE DI ROCKIT.

 

Ciao Michele e benvenuto nella casa del collettivosoleluna!
Grazie, è un bel piacere.

Un progetto particolare, già dal titolo si intuisce che si tratta di qualcosa di diverso…
E’ “Le avventure di Pinocchio” in cui il protagonista ha la storia di Jovanotti, cioè è lui. E i suoi 25 anni di avventure.

Che cosa aggiunge questo libro ai precedenti (ufficiali e non) su Lorenzo?
Un punto di vista, una sintesi dall’esterno, un’angolazione inedita che sguazza in un immaginario allegorico, molto vicino alla fantasia per quanto sia immerso nella realtà.

Come è nata l’idea di MAI DENTRO MAI FUORI?
Me lo hanno proposto e ho accettato. E’ un anno importante per Jovanotti: l’America di là e gli stadi di qua, mentre in sottofondo scorre la musichetta buia dell’Italia e dei suoi periodacci.
Quindi non possiamo che avere bisogno di favole.

Chi è Michele WAD Caporosso?

Un curioso qualsiasi, come tanti.

Parlaci della tua collaborazione con Massimo Gurnari.
Non volevo che fosse il classico libro biografico tutto inchiostro su sfondo bianco. La storia è dinamica, nevrotica, sognante, volevo metterci dei disegni. E Massimo Gurnari è tra i più bravi Pop Artist in giro, perlomeno tra quelli con la barba lunga e i tatuaggi ovunque.

Si può essere Don Abbondio o Pinocchio…
E’ una parabola raccontata da Lorenzo a Firenze durante la sua TED Conference. Ho amato molto il concetto, semplice, elementare, di spiegare così gli italiani: chi asseconda gli eventi e chi si lascia trascinare dalle sensazioni più che dalle idee sensate. Quel concetto riassume tutto il libro. E forse anche tutti i libri. E gli stati. Come minimo: gli uomini e le donne.

Hai qualche aneddoto particolare da raccontarci legato alla realizzazione di questo lavoro?
Più che un aneddoto, un episodio strano.
Buona parte del libro l’ho scritta a Roma su un tavolino di un bar che aveva il wi-fi. E quasi ogni mattina al tavolo vicino a me veniva a sedersi una ragazza che ordinava il suo cappuccino, lo beveva, poi attaccava a studiare, poi parlava al telefono per un pò di minuti, scoppiava puntualmente a piangere, e poi, dopo aver chiuso, si asciugava le lacrime e riprendeva a studiare tranquillamente. Con un quasi-sorriso.

Per finire, concludiamo con uno spazio libero, da usare in piena libertà…
Solitamente quando a qualcuno dici “vai sei libero, fai quello che vuoi” si perde a pensare a tutto quello che può fare. E, quasi sempre, resta fermo.


Tags:  michele wad caporosso

Bookmark and Share




Post Precedente
#lorenzoneglistadi countdown: -71 giorni
Post Successivo
Ciao Enzo!




11 Commenti

Mar 30, 2013

siamo in relax :
” perché Luna era così contrariata con sua madre, quel giorno che vi siete incontrate su e giù per i maciapiedi asfaltici e polverosi di una non ben definita area metropolitana ? “


Mar 30, 2013

:)

perché lei, Luna per l’appunto , era appena stata a farsi una meravigliosa passeggiata al supermercato, un po’ per dovere un po’ per piacere , ed aveva trovato la sua passione : i wustel di pollo . Li aveva immediatamente addocchiati, tirati via dagli scaffali gelati di quel muralino e con grande orgoglio scrutati bene ed appoggiati nel porta baby del loro carrello . Tutto bene sino a quandobene la sua mamma se ne accorge e con fare rapido e repentinamente deciso li prende e li ripone dove capitava lungo le corsie delle gondole che nel frattempo avevan raggiunto. Esclamandole a gran tono : ” Non sta bene che una bambina graziosa come te si metta a mangiare i wustel ” . e lei replicando determinata esulta : sono buonissimi marinati con il limone. Al che la mamma perde completamente le staffe ed integerrima pone fine alla questione facendole notare ” non sta per niente che alla tua età tu ti metta a mangiare wustel marinati , scordatelo ”
Luna , tutta impettita , dopo sitanta lezione agro alimentare, esce di fretta ed imposta un bellissimo Pianto epocale che sembrava veramente la cascata del Niagara :)
aggiungendo tutta soddisfatta : “Non si prende una cosa dal murale e si lascia dove capita capita in una gondola , non sta per niente bene tutto questo disordine “


Mar 30, 2013

:)

qui ci vuol proprio una bella canzone : a grande richiesta , MALIKA .


Mar 30, 2013

il dubbio è solo tra Pacifico e questa : io preferirei questa


Mar 30, 2013

domani è Pasqua :)

p://www.youtube.com/watch?v=T9UMbUCiAfs&list=RD02hTCZYZIaxxk


Mar 30, 2013


Mar 30, 2013

Grande Wad Caporosso!!!


Mar 31, 2013

Stamani mi sono svegliato presto, l’ora del lavoro, come dovessi andare e prendere il treno, invece è Festa. Non per consuetudine, né per noia, soltanto è che il lavoro mi è diventato come le feste sicché non c’è più distinzione .
Occorre pure sottolineare che sebbene il lavorare e la domenica si somigliano parecchio, il nuovo Pontefice, che ha voluto per bizzarrìa davvero unica ed originale, appellarsi Francesco , primo , semplicemente Francesco, celebrerà oggi la sua prima Pasqua e premo nell’ascoltare la sua omelìa pasquale, ché in parte , ne sono certo, mi somiglierà e non di poco .
Auguro ogni bene a Voi che ascoltate, che ascolterete, che leggete e che scrivete di ogni sorta i vostri pensieri accompagnino il dì e l’oscurità di giornate di tanto attendiamo e tanto vorremmo già passassero in fretta e veder che cosa succede dopo. Io ne sono un esempio e non mi rammarico di esserlo e del divenire . Vi benedica il Signore e Vi auguro Pace e Bene in ogni istante, in ogni gesto, in ogni azione , in ogni pensiero ed in ogni commozione . Valà, andate pure a desinare lieti e non pensate più alle bruttezze che vi hanno pervaso, andate e siate lieti .


Mar 31, 2013

arrrrrivederci.
Ho da fare: stamattina devo proprio scrivere due cartoline, forse tre, affrancarle e spedirle a destino. E’ che mi sa che mica ci sono, giustamente, i venditori di cartoline aperti di Pasqua mattina. Provvediamo subito, infatti io mi sono sempre chiesta : PERCHé INVECE DI INVENTARI I DISTRIBUTORI DI SIGARETTE DI OGNI SORTA OPPURE DI PROFILATTICI DI OGNI SORTA, NON SI INVENTANO I DISTRIBUTORI AUTOMATICI DI CARTOLINE PANORAMICHE DEL TERRITORIO , ESTESO, PURE REGIONALE MAGARI, SICCHé DA NON AVER PIù IL PATEMA DI DOVE ANDARE A PESCARE UNA CARTOLINA DI FESTIVITà MATTINA OPPURE P.M. ? Non sarebbe male pure un distributore di FRANCOBOLLI , FILATELICI of course . Many Thanks. Io bisogna proprio che stamattina scriva tre cartoline almeno. IMMEDIATAMENTE .


Apr 01, 2013

” E’ stata una Pasqua strana, quest’anno .
Già in quaresima si presagivano stranezze giornaliere tali da poter facilmente prevedere delle eccezionalità future. Infatti così è stato, ringraziando il Signore. Non ho acquistato né ricevuto uova pasquali tradizionali, da aprire e trovarne sorpesa recondita inside. Ho preferito donare altro e ricevere altro. Ho pure conosciuto Willy , ieri, tra le panchine pubbliche ed il sole e l’azzurro del cielo mutevolissimo della giornata festivissiva e varia . Si è seduto accanto a me nella panchina del Parco Groel di Barcellona Alta ed abbiamo conversato, non di piccolezze . Barcollava ancora un po’ per qualche ntervento incerto sofferto, ha addirittura gettato via una sigaretta fumantissima che si stava divorando: spenta sull’asfalto, l’ho pure rimproverato a dovere, ha sorriso ed ubbidito alle critiche, costruttive . Non so bene chi mi porti in certi momenti in certi luoghi e mi faccia incontrare, per caso, per puro caso , così tante persone sconosciute ed amiche : abitare il mondo, così come abitare l’Universo è davvero una eccezionalità coraggiosa e sempre pagante . Chissà oggi, cosa succederà di inatteso e meravigliioso.
Buona Pasquetta !
nota bene : il Lunedì dell’Angelo, che annuncia la Resurrezione di Gesù, mi sa tanto che io l’ho vissuto in anticipico, mica in ritardo.
:)
. . . . . . . . . . . . . . . .working in progress . . . . . . . .


Apr 01, 2013

claudicante

era ancora un po’ claudicante , willye



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.



More Story
#lorenzoneglistadi countdown: -71 giorni
A Te, tratto dall'album Safari L'idea è quella che Lorenzo è in uno studio senza tempo e senza luogo e completamente...