varie / 19 maggio 2005

INTERVISTA A LORENZO “JOVA” CHERUBINI

Lo abbiamo inseguito per molto tempo e il risultato è un’intervista “collettiva” realizzata da tutto lo Staff del Blog. Buona lettura!

Benvenuto o meglio bentornato… visto che il “blog del collettivo soleluna” è un po’ come essere a casa, o sbaglio? Ogni volta che entro in internet ci faccio un giro, ormai siete la mia finestra sul mio mondo e spesso io stesso sul mio mondo sono poco informato. E comunque vi devo ringraziare per la cura che ci mettete e per il semplice fatto di andare avanti con questa storia che immagino vi porti via un bel pò di tempo.

Allora ci siamo… gli scaffali sono già pieni dei tuoi dischi, le radio, le foto sui giornali, la tv…i concerti! Nervoso? Non sono nervoso, direi che sono contento, la cosa più importante era finire il disco e pubblicarlo,dopo così tanto lavoro. spero che il disco piaccia e abbia successo, questo è certo, ma la cosa che conta oggi per me è che questo disco ha sbloccato qualcosa dentro di me, questo è il risultato che ho cercato con tutte le mie forze aldilà degli eventuali difetti che ogni disco ha.

Che senso ha nel 2005 per te un disco come “Buon sangue”? Come ti ho detto prima, il senso di questo disco è la sperimentazione legata alla canzone e la mia voglia di avere ancora a che fare con un pubblico che secondo me merita il massimo. E’ un disco sul caos, un disco senza schemi, dove le canzoni non iniziano e non finiscono…

Cambi pelle frequentemente nella tua musica eh? Io cambio pelle come fanno gli animali,lo faccio perchè e naturale farlo, è una necessità della mia vita, lo faccio per sopravvivere in un mondo che sennò ti schiaccia, ti fa diventare l’imitazione di un clichè, una roba brutta. La grande fortuna è che la vecchia pelle resta lì a disposizione di chi la vuole indossare. I dischi restano, le canzoni con il tempo diventano a volte più belle, si spogliano delle contingenze legate all’attualità e al personaggio, diventano più vere, meno condizionate dalla simpatia del momento per il cantante.

C’è tanta musica in giro, artisti noti e meno noti. Qualcuno o qualcosa ti ha stimolato nella composizione di buon sangue? Io sono un frullatore, mi nutro di ogni cosa che mi passa davanti. Potrei dirti che l’influenza maggiore è l’hip hop ma non è vero fino in fondo perchè a sua volta l’hip hop è un contenitore ibrido. Diciamo che in questo disco la vera influenza è stata una certa letteratura del quattrocento, il poema cavalleresco, il cinema di fellini e di terry gilliam, la pittura manierista del cinque seicento, il teatro d’avanguardia,i beastie boys, miles davis elettrico, bennato e nino rota, james brown e i funkadelic, lo schifo che provo per i fighetti sempre pronti a giudicare, i film di herzog… capito che è un casino parlare di influenze. Una delle più grandi è stata mia figlia, lei è stata decisiva come influenza.

Qual è il tuo brano preferito di Buon Sangue? Buon sangue non è un disco di canzoni,è un flusso unico,le canzoni singole le prenderò in considerazione quando dovrò costruire un altro flusso, quello dei concerti.

C’e’ qualche canzone (di quest’album o degli ultimi) che e’ nata come una collaborazione con qualcuno, ma che alla fine non si e’ potuta fare? No, non cè

Pubblicherai una versione in spagnolo o in inglese di Buon Sangue?
Forse farò tanto in varie lingue lasciando il ritornello in italiano. Per il resto non so,per ora non è previsto.

E’ possibile rivitalizzare la situazione discografica italiana? Come fare per evitare/ridurre il caro cd?
Per me i dischi costano troppo ma un buon disco vale quei soldi. Il mercato sta cambiando molto ma la crisi del mercato non è dovuta al prezzo dei dischi, se costassero meno se ne venderebbe lo stesso numero. Tra venti euro e gratis la differenza è troppo grande e oggi tutta la musica è reperibile anche gratis via internet quindi il costo di un CD è un altra questione, qui in ballo c’è altro. Comprare un disco è un “atto d’amore” verso un artista e verso la musica. La libertà consiste nel pagarle,le cose,non nell’averle gratis,quella è una forma di dominio. Certo,bisogna pagare quello che si vuole avere e non quello che ci impongono. La situazione italiana si rivitalizza facendo dei grandi dischi,non dei dischettini miseri senza ispirazione e senza cura.

Hai sperimentato nuovi sistemi di diffusione della tua musica tramite i-tunes. Non pensi però che questo comporti un certo impoverimento (penso all’assenza del supporto cd e della sua confezione in generale)? Il supporto CD è già un oggetto povero. Io cerco di curare i dettagli e di farne un qualcosa di gustoso e di importante. E’ la musica che conta, il progetto generale, e quello non muore mai. E comunque il vinile resta il top se uno deve sentire la musica come si deve.

Ti senti più cantautore o parte di un gruppo? Mi sento quello che sono,una persona con un temperamento artistico che cerca tutti i modo possibile per esprimere questa sua essenza,da solo o con gli altri,a seconda di quello che ha più senso. mi piace molto lavorare in gruppo ma la solitudine mi è necessaria per maturare il progetto. Ogni giorno ringrazio a 360 gradi e verso l’alto per la possibilità che ho di giocare come un bambino, insieme o da solo, proprio come fanno i bambini nel cortile.

Rivoluzione del sound, nuove direzioni musicali… e i concerti? Tournee spettacolare e innovativa come quella che ha portato al live di autobiografia oppure spumeggiante e ritmica come quella del 5°mondo? Non so come sarà il tour,so che ho voglia di divertirmi e di emozionarmi e anche di lasciarmi un pò andare e di sperimentare. Comunque riprenderò pezzi che non faccio da molto, anche alcune ballad.

Il duetto che vorresti fare nel prossimo tour… Con il pubblico, quello è sempre il duetto più ambito.

Come sta il mondo, ti domandi nella tua “tanto”, e l’Italia? I giovani in italia, come stanno? I giovani in italia sono singole anime ognuna con il suo mondo,non è più possibile generalizzare.quello che mi pare strano è che oggi i giovani risultino più conservatori dei quarantenni, il mondo fa paura,questo lo capisco,ma non bisogna lasciarsi schiacciare dalle ansie,bisogna reagire. è un casino essere un ventenne oggi,le pressioni da parte dei media sono tremende e si rischia di sentirsi sempre tagliati fuori, mi rendo conto che avere vent’anni oggi è un bel casino, io a vent’anni avevo la fortuna di avere una grande passione, se non l’avessi avuta mi sarei cacciato in un bel guaio.

Come vivi l’amicizia ? precisamente che tipo di amico sei ? Sono un amico onesto e leale, ma distratto e a volte distante.

Hai mai tradito un amico? No, però sono stato tradito da un amico.

Cosa riesce ancora a sorprenderti veramente ? Tutto mi sorprende.La capacità dell’uomo di rimettersi in piedi nonostante tutto,la natura,l’essenza del femminile,la capacità di apprendimento dei bambini,la luce elettrica, l’informatica, la bontà di un frutto, il sole del mattino, la guarigione di una ferita, il dolore che uno riesce a sopportare senza morire,il potere del ritmo…molte cose mi sorprendono continuamente.

Cosa ne pensi di internet, oggi…? Internet è una figata,internet è una grande opportunità,credo che tra un pò non ne potremo più fare a meno, come dell’elettricità o giù di lì.

A volte internet esce fuori dalla rete, crea veri e propri eventi che consentono un contatto con la vita reale, ne è un esempio il nostro “Corazon”. Cosa ne pensi a riguardo? Penso che internet sia un mezzo di comunicazione per le persone, con tutto quello che comporta questa cosa. Ogni applicazione di questo mezzo è in qualche modo legittima. Questa idea del quaderno è forte, anzi, fatemelo arrivare a anche a me, sto aspettando.

Una curiosità: che fine ha fatto la versione internazionale del disco del Collettivo Soleluna ? Ci sono stati dei problemi contrattuali,il disco del collettivo è un prodotto SOLELUNA ma la mia voce è in esclusiva con UNIVERSAL quindi se faccio una produzione soleluna e uso la mia voce devo chiedere il permesso a loro che in questo caso me lo hanno concesso solo per l’italia…insomma una roba contrattuale.

Andrai a vedere il live degli U2 ? Ho visto tutti i live degli U2 in italia da quando hanno iniziato, sono uno dei migliori live act del pianeta e non me li perdo. Piuttosto prendo e vado a vederli in altro paese ma non me li perdo.

Grazie e a presto!


Tags:  jovanotti

Bookmark and Share




Post Precedente
Lorenzo su Rolling Stone
Post Successivo
INTERVISTA A GIOVANNI ALLEVI




9 Commenti

May 19, 2005

*_____________* Non ce l’hai fatta a tenertla fino alle 14 ? ;) La voglio leggere con calma, per gustarmela di piu’ ! :) Grande Mau ! ! ! #1 !


May 19, 2005

bella questa intervista
complimenti


May 19, 2005

Io direi di lasciare su in bella vista questa intervista a lorenzo.. ed evitare di inserire altre cose per un po’… ultimamente tutto scende giù troppo presto! :)


May 20, 2005

Bella davvero questa intervista..quasi un dialogo amichevole e da immaginarsi attorno ad un bel tavolino con Thè e biscotti…familiare insomma…come ci sentiamo tutti noi con Lorè no?


May 20, 2005

…Lorernzo, unico come sempre,anche io sono d’accordo di lasciarla per un bel po’.


May 22, 2005

ve la immaginate Tanto in spagnolo?
Mucho, mucho, mucho, mucho, mucho?
hehehehehe


Aug 14, 2005

bella intervista.. devo farvi i complimenti .. cmq nn c’è niente da fare.. si vede quando chi intervista ama o cmq conosce bene l’intervistato..le domande sono intelligenti e stimolanti.. complimenti..


Sep 18, 2005

“La libertà consiste nel pagarle,le cose,non nell’averle gratis,quella è una forma di dominio”

Lorè


Nov 17, 2005

lorenzo io ti adoro ti ho visto e stavo impazzendo…sicuramente non leggerai mai questa cosa…io ti stimo da morire…nel programma di mentana hanno detto che tu nasci vecchio…stupidi e invidiosi di chi come te sente ancora le voci dei bambini che gli chiedono”ciao mamma”…di chi con il pubblico è”un’anima sola,un corpo unico”…domani ho il test sulla pedagogia cristiana,illuminami…e grazie per il concerto di parma…c’ero anche io…grazie per”mi fido di te”…sei bellissimo…beata “la Frà”(la chiami così nel grande boh)…ti prego trova il modo di andare in tv…una sola cosa voglio dirti…esiste anche la basilicata…bacissimi.
quella che a parma gridava”è lui,élui!



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.



More Story
Lorenzo su Rolling Stone
Il nuovo Rolling Stone dedica 4 pagine a Lorenzo: due di testo e due di foto. Ecco una piccola anticipazione dell'articolo......