varie / 7 ottobre 2008

INTERVISTA A LORENZO CHERUBINI


LORENZO TORNA SUL BLOG CON UN’INTERVISTA ESCLUSIVA
E LO FA ALLA GRANDE SVELANDOCI MOLTE NOVITA’…
    

Bentornato sul blog!
grazie!!! bellissimo il nuovo blog.State facendo un bellssimo lavoro che mi gratifica molto.
A volte siete più tempestivi del sito ufficiale, spesso vengo sul blog per sapere cosa sto facendo.

Lo sai che quest’anno il blog festeggia 5 anni di attività? Un traguardo inaspettato per uno spazio nato con il timido pretesto di parlare del tuo album “Roma”
Non è inaspettato perchè le cose fatte con passione poi vanno lontano, e questo blog mi sembra fatto con passione, non è mai buttato lì e c’è sempre qualcosa che succede

Roma è stato definito da molti come un “esercizio di stile”, tu come consideri questa esperienza? Hai mai pensato di ripeterla?
Tutto quello che faccio è un “esercizio di stile”, nel senso che lo stile è un elemento importante di quello che faccio. Poi potremmo discutere su cosa si intende per “esercizio di stile”, il fondo anche la divina commedia è un esercizio di stile no?

Hai mai riflettuto sulla possibilità di realizzare un disco internazionale?
Ci ho riflettuto spesso ma non riesco a lavorare a comando. Io scrivo quello che mi viene e solo dopo penso a come distribuirlo.
E comunque non mi lamento del mio “mercato” internazionale che comunque non è mica male!

E’ questa la vita che sognavi?
Non sognavo nessuna vita, non ho mai avuto mire lontane, ho sempre ragionato seguendo il presente, cercando di fare quello che mi piace e mi dà emozione e mi riempie le giornate di buona energia.
In questo senso è la vita che sognavo, ovvero non pormi traguardi lontani ma realizzare ogni giorno qualcosa di congeniale al mio spirito.

Quest’anno festeggi ben 20 anni di onorata carriera. Come pensi di festeggiarla?
Non la festeggio in nessun modo, il fatto di essere ancora qui è più di qualsiasi celebrazione.
L’altra notte erano le 4 circa e dopo un concerto guardavo la TV in camera d’albergo e hanno dato un VOTA la VOCE del 1988 anno di FOR PRESIDENT. Non avevo più visto quella cosa o forse non l’avevo mai vista del tutto ma mi ha fatto uno strano effetto: un pò di tenerezza, un pò mi ha fatto ridere, un pò anche di imbarazzo, ho capito che c’era una grossa energia e quella ancora oggi passa dal video. In fondo di quello lì che ho visto in TV è rimasta solo l’energia, nessun rimpianto per quegli anni, anzi, è molto meglio adesso.

C’è un episodio, un evento che ricordi sempre con piacere e/o orgoglio?
Quando incontrai De Andrè sulle scale dell’Ariston nel 1988 e lui mi fermò mi sorrise e mi disse che lui era dalla mia parte. Cose del genere non si dimenticano più, lui in quel modo era come se mi dicesse che dovevo andare avanti a fare quello che mi piaceva senza ascoltare nient’altro che la mia voce interiore.

Parliamo di Safari. Lo definiresti un disco d’amore?
Non lo definirei in nessun modo. E’ un disco di canzoni e comunque se penso a Safari non penso a un disco d’amore, penso a un disco di canzoni che ruotano intorno al tema della vita a 40 anni vista senza rassegnazione ma con un certo spirito combattivo e in questo l’amore ha un ruolo fondamenatale.

Molti sostengono che “A Te” resterà tra i classici della canzone italiana…
…e a me farebbe molto piacere.

In safarijam affermi: la parola destino è una delle parole di questo disco. Che cos’è il destino?
E’ quello che dobbiamo realizzare in questa vita.

Fango + Mogol = ?
Una grande gioia. Una immensa gioia. Un onore.

Ci sono molti brani che sono rimasti esclusi da Safari: Tarzan, Amami, Di qui, Ogni cosa, L’animale.
Non li ho ancora riascoltati. Ma tutto può succedere. Comuqnue questi pezzi che hai detto sono tutti abbastanza definiti, anzi alcuni di loro sono proprio forti, o almeno li ricordo così.

Qualcuno che conosci ha detto: “la gente ha ricominciato ad ascoltare musica, lo vedi da tutte quelle cuffiette nelle orecchie.” E’ un buon segno…
E’ un ottimo segno. Io penso che la musica avrà un futuro sempre più radioso grazie allo sviluppo delle tecnologie di realizzazione e di diffusione.

Ha ancora senso parlare di novità nella musica?
Da quando hanno inventato la parola “postmoderno” la parola novità ha perso senso o lo ha decisamente cambiato. Ma la novità è sempre in agguato. Le note sono sette e i timbri sono infiniti.
Ma quello che davvero rende tutto sempre in trasformazione è il fatto che le sfumature emozionali sono infinite. Chi riesce a toccare una corda emozionale lo fa sempre per la prima volta è sempre un innovatore.

In un’epoca di impoverimento della materia dove tutto si sposta sul digitale, tu hai deciso di pubblicare un doppio vinile. Controtendenza?
No, il vinile rimarrà anche quando il cd non ci sarà più, è come uno strumento musicale. Il vinile è più uno strumento che un supporto, ha un suo suono, una sua peculiarità nel modo in cui ripropone certe frequenze.
E poi è un bell’oggetto, molto più bello del cd che invece è superato dal file digitale anche in quanto a fascino e carisma.

Parlaci di “Club Adventures in Safari” e di come è nata l’idea.
E’ un pezzo con le battute giuste per essere remixato e poi io ci tengo a tenere aperto un canale di comuncazione con i club e con un certo ambito musicale che è sempre ricco di energia.

Parlaci di “Come Musica”, quarto singolo e nuovo video in arrivo…
Abbiamo girato il video e credo che verrà molto bene. Il regista è Maki Gherzi (lo stesso di A TE e di altri video italiani che mi piacciono, è lui che ha firmato anche il nuovo di Vasco). Mi ha raccontato un’idea che mi è piaciuta molto e paolo soravia ha trovato i canali per realizzarla. Il video dovrebbe essere pronto tra pochi giorni.
La canzone è forte perchè è diversa da tutto quello che avevo fatto prima, ha qualcosa di molto “ammericano” e c’ è qualcosa che la rende particolare. Io in genere scelgo il primo singolo poi gli altri in qualche modo vengono fuori da soli.

Dopo più di 8.000 km passati tra i principali palazzetti di tutta Italia, stadi ti prepari alla terza stagione del tuo tour. Cosa ci dobbiamo aspettare dal tuo prossimo live invernale?
Lo spettacolo è lo stesso che ha girato tutt’ Italia. Ogni sera identico e ogni sera completamente diverso e unico!

Il Gioco del Mondo….
E’ un work in progress, un vero e proprio gioco che non finsice mai. Ci saranno altri capitoli…

Lo so che può suonare un po’ prematuro ma… hai già nuovi progetti in vista?
Sto lavorando molto al progetto della Fortezza a Cortona. Con un gruppo di persone eccezionali vorremmo realizzare un luogo per le performing arts, la produzione di nuovi linguaggi, la musica e la ricerca in una fortezza del 500 che da 500 anni domina la mia città.

Ci puoi regalare qualche esclusiva?
Il 24 ottobre sarò a Parigi all’istituto italiano di cultura a parlare di musica.
Il 23 mattina sarò al Festival della Creatività di firenze dove racconterò la mia esperineza nella creatività a 400 studenti delle scuole. Poi farò un paio di passaggi in tv prima del Natale poi nel 2009 buio totale si torna nel guscio.
Però il 21 novembre esce il DVD che è bellissimo e nuovo. Ci sarà tutto il concerto per intero ripreso attraverso tutte le date del tour di primavera e si potrà scegliere se guardare il concerto tutto d’un fiato o guardare il film di Marco Ponti che racconta tutta la preparazione, il dietro le quinte, i momenti vari. Sono oltre tre ore di materiale video e un suono strepitoso.
Praticamente si potranno scegliere due differenti linee narrative con materiali in comune o diversi.
Il film vero e proprio è una botta, è veramente molto intenso. E’ pieno zeppo di vita.

Chiudiamo come da tradizione con uno spazio in bianco da gestire in completa libertà!
Allora vi regalo una cosa che ho letto stamattina, si tratta di un passaggio tratto dai VEDA, antichi testi sacri indiani, dice così:
L’ENERGIA, IN VERITA, E’ PIU GRANDE DELLA SAGGEZZA
POICHE’ UN UOMO ENERGICO FA TREMARE CENTO SAGGI
QUANDO UN UOMO E’ PIENO DI ENERGIA, EGLI SORGE, E SORGENDO EGLI SERVE GLI ALTRI, E NEL SERVIRE VENERA…

(…)

MEDITA SULL’ENERGIA



Bookmark and Share




Post Precedente
LORENZO TORNA SUL BLOG!
Post Successivo
ONLY FOR THE BLOG!




4 Commenti

Oct 07, 2008

Bellissima intervista ;-)


Oct 08, 2008

complimenti per il blog e per l’intervista


Oct 08, 2008

noooo, il buio totale nel 2009 nooooo!!!


Dec 15, 2008

Fantastico soprattutto Jova!!!!!!!!!!!!!!



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.



More Story
LORENZO TORNA SUL BLOG!
Dopo più di tre anni Lorenzo torna sul "Blog del Collettivo" con un'intervista esclusiva, ricca di curiosità e novità.   A...