varie / 6 dicembre 2018

“Jova Beach Party’, 15 feste da dj sulle spiagge

Si intitola ‘Jova Beach Party’ il progetto itinerante di Lorenzo Cherubini: due settimane di musica (e non solo), per tutta la notte, sui nostri litorali. Che lo vede, stavolta, in versione deejay. Un ritorno alle origini in partenza da Lignano Sabbiadoro il 6 luglio

 

Avete presente le gite al mare da ragazzi? Si va in spiaggia col cestino da picnic o la carne alla brace, ci si tuffa, si prende il sole, si chiacchiera, magari si pesca del pesce da fare alla brace la sera, poi tutti intorno al fuoco con qualcuno che tira fuori la chitarra e rincasa la notte con la pelle ancora sfrigolante e la sabbia nelle scarpe. Ecco, tutto questo fatelo fare a Jovanotti. Il risultato sarà un tour estivo decisamente diverso da tutti gli altri.

Si chiamerà Jova Beach Party e sarà una serie non semplicemente di concerti, ma di intere giornate dedicate alla musica e allo stare assieme: “Sarà un villaggio, una città temporanea che dura un solo giorno, con ristoranti, il mare accessibile, diverse band, giochi in spiaggia, tanti ospiti che non posso rivelare, potrò anche celebrare matrimoni se qualcuno lo vorrà, come delegato di stato civile“, racconta tutto eccitato Lorenzo Cherubini, fiero della sua nuova idea.

In 15 località marittime italiane, anzi 14 perché ci sarà una tappa anche a Plan de Corones, sulle Dolomiti, sulla spiaggia libera sarà installata una struttura gigantesca, ma non solo un palco, anche stand, ristoranti, luoghi di gioco, aree dove poter prendere il sole o fare la doccia. Tutto quello che serve per passare una giornata al mare insomma, più la musica, che non sarà – come da tradizione per chi va in uno stabilimento balneare – diffusa registrata dagli altoparlanti, ma sarà fatta al momento, dal vivo. Fino a notte fonda andranno in scena djset, concerti, iniziative di divertimento, in cui Jovanotti sarà protagonista, ma non unico visto che ci sarà la sua band e una serie di ospiti così a sorpresa che non verranno mai annunciati, gli spettatori se li troveranno davanti all’ultimo, “dico solo che saranno sia stranieri che italiani e non necessariamente famosi, la caratteristica è che piacciano a me, perché se piacciono a me piaceranno a tutti”. E anche la musica di Lorenzo sarà solo una parte del tutto: “Ovvio, le mie hit ci saranno tutte, ma se mi girerà di cantare canzoni di altri lo farò, e comunque avremo anche trap, funk, house, disco, tutto quello che serve per divertirsi. Canzoni nuove? Ne ho scritte parecchie, ma non credo. Però chissà. Io sarò sul palco dietro a una consolle e mi divertirò, e magari farò qualche comparsata quando suoneranno e metteranno musica altri, o magari saranno gli altri a venire da me. Non abbiamo programmi, decideremo tutto al momento“.

L’improvvisazione sarà solo artistica, e nel senso migliore del termine, per il resto l’organizzazione del Jova Beach Party è già cominciata e non sarà roba da poco. Per dire, gli spazi occupati saranno di 300 metri per 100, più i 150 metri di mare davanti alle spiagge che saranno pattugliati dalla guardia costiera, per evitare che passino barche a motore (sarebbero un rischio visto che si potrà fare anche il bagno) e anche che qualche scroccone in pedalò si goda il tutto senza pagare.

LE TAPPE

  • 6 luglio Lignano Sabbiadoro (Spiaggia Bell’Italia)
  • 10 luglio Rimini (Spiaggia Rimini Terme)
  • 13 luglio Castel Volturno (Spiaggia Lido Fiore Flava Beach)
  • 16 luglio Ladispoli (Spiaggia di Torre Flavia)
  • 20 luglio Barletta (Lungomare Pietro Mennea)
  • 23 luglio Olbia (Banchina Isola Bianca Molo Bonaria)
  • 27 luglio Albenga (Lungomare Cristoforo Colombo)
  • 30 luglio Viareggio (Spiaggia del Muraglione)
  • 3 agosto Lido di Fermo (Lungomare Fermano)
  • 7 agosto Praia A Mare (Lungomare Area Dino Beach)
  • 10 agosto Roccella Jonica (Area Natura Village Lungomare Lato Nord)
  • 17 agosto Vasto (Lungomare Duca degli Abruzzi)
  • 24 agosto Plan De Corones (Cima 2.275m)

Più il 13 agosto in Basilicata e nel nord Adriatico il 20 agosto, in località ancora da individuare. Prezzo unico 52 euro, “l’abbiamo tenuto il più basso possibile, è come un parterre in uno stadio, e i bambini sotto gli 8 anni entreranno gratis. Non siamo una onlus, ma ci basta andare a pari coi costi”.

Qualcuno potrà storcere il naso pensando a come una massa di persone e di strutture varie potrà devastare un ambiente fragile come la spiaggia. E in effetti anche Jovanotti ha avuto questa perplessità. Risolta affidandosi a una collaborazione con il WWF:Lasciare la spiaggia meglio di come l’abbiamo trovata è il traguardo che ci siamo imposti. Lavoreremo perché tutte le leggi siano rispettate“, dice, aggiungendo che in questi villaggi turistici della musica ci saranno anche spazi di sensibilizzazione contro l’inquinamento della plastica nei mari.

Resta da spiegare il perché di tutto questo. Un po’, conoscendo il soggetto, la voglia di fare qualcosa di diverso dagli altri. Molto perché “ho sempre pensato che l’estate sia una grande invenzione degli italiani, anche più della pizza e della pasta. La spiaggia è un simbolo forte di partenza, di incontro, di avventura. Nel 2019 non ricorrono solo i 50 anni dallo sbarco sulla Luna, il mio primo ricordo cosciente, ma anche i 50 anni da Woodstock e io voglio celebrare così questi anniversari. La Luna è la spiaggia dell’universo e le nostre spiagge saranno una figata pazzesca“, chiude – sempre con il suo lessico tardo-adolescenziale – quello che d’ora in poi possiamo chiamare il capovillaggio.

 

fonte: repubblica.it



Bookmark and Share




Post Precedente
IL NATALE SECONDO PAOLA IEZZI
Post Successivo
JOVA BEACH PARTY 2019




0 Commenti

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.



More Story
IL NATALE SECONDO PAOLA IEZZI
SEZIONE DEDICATA: CLICCA QUI Ed eccolo il bellissimo, classico, stiloso, inaspettato, fisico, digitale e caldo...